Rab

Rab, 220311. ARHIVSKA FOTOGRAFIJA Panorama Raba, poluotok Frkanj. Na fotografiji: uvali Kandalora u kojoj je 1936g pristala kraljevska jahta Britanskog Kralja Edwarda Vll. Foto: Goran Novotny / Cropix

Rab è, con le sue 30 spiagge sabbiose veramente "isola felice" con tante piccole baie pittoresche, come i turisti provenienti da tutto il mondo hanno riconosciuto quasi 125 anni. La tradizione continua ancora oggi, quando Rab, grazie al cristallino, caldo e poco profondo mare meta ideale per tutta la famiglia.

Nell'isola sono le sue caratteristiche geomorfologiche che rendono creste e valli che si estendono in direzione NW-SE.

 

La divisione dell'isola.

La lunghezza d'aria più grande dell'isola di Rab, da Cape to Cape Gavranić Sorinj, è di 22 km. Grazie alla sua forma irregolare, la larghezza dell'isola è diversa. Questa è la più stretta nella parte meridionale di Capo Kirkland alla frazione Perčinić a Barbat 3 km, mentre il più ampio, e 10 km nella sua parte settentrionale di Capo Silpa in Lopar a Capo Kitts nel nord-ovest dell'isola.

Condizioni microclimatiche favorevoli caratterizzate da una temperatura media annua di 14,9 ° C e precipitazioni annue di 1108,8 millimetri, che è caratteristica di un clima di transizione tra il Mediterraneo e continentale.

La durata media annua di sole sull'isola di Rab ha 2417 ore.

Con la ricchezza della flora sull'isola e incontrare una varietà di fauna selvatica, sia a terra che in mare.La città di Rab.

Nella parte nord-occidentale dell'isola, con una profonda baia, si trova il villaggio di Barbat. Nome del paese deriva dal nome del monastero di S. Pietro a Draga. Al centro del vasto fertile valle nel 1059 fondò l'abbazia benedettina di St. Pietro a Draga.

Barbat, il paese più meridionale dell'isola, si estende lungo la fascia di mare Barbat Channel. A giudicare dai resti di edifici antichi, in questa zona vi era un insediamento molto antico. Sulla collina di S. Damian trovano i resti di antiche rovine e la chiesa di S. Damiano, che è stato menzionato nel XIV. secolo. Queste rovine risalgono agli insediamenti greci, ed è molto probabile che si trattava di una colonia militare greca fondata nel IV. sec. Si presume che le rovine sulla collina st. Damiano potrebbero essere i resti dell'antica città di Tolomeo Kolenti. Ai piedi della collina, nei pressi della frazione Perčinić, con la bassa marea nel mare, ha osservato i resti delle mura della città come è stata fondata da fuggitivi cercano di Rab in fuga da Attila

 

Nella parte nord-occidentale dell'isola, con una profonda baia, si trova il villaggio di Barbat. Nome del paese deriva dal nome del monastero di S. Pietro a Draga. Al centro del vasto fertile valle nel 1059 fondò l'abbazia benedettina di St. Pietro a Draga.

Barbat, il paese più meridionale dell'isola, si estende lungo la fascia di mare Barbat Channel. A giudicare dai resti di edifici antichi, in questa zona vi era un insediamento molto antico. Sulla collina di S. Damian trovano i resti di antiche rovine e la chiesa di S. Damiano, che è stato menzionato nel XIV. secolo. Queste rovine risalgono agli insediamenti greci, ed è molto probabile che si trattava di una colonia militare greca fondata nel IV. sec. Si presume che le rovine sulla collina st. Damiano potrebbero essere i resti dell'antica città di Tolomeo Kolenti. Ai piedi della collina, nei pressi della frazione Perčinić, con la bassa marea nel mare, ha osservato i resti delle mura della città come è stata fondata da fuggitivi cercano di Rab in fuga da Attila